Echeion RSS
sabato, 19 agosto, 2017 2:52

Limes compie vent’anni

limesBuon compleanno Limes: la rivista di geopolitica più famosa in Italia compie vent’anni di attività (1993-2013). Sotto la direzione di Lucio Caracciolo e il supporto del gruppo editoriale L’Espresso, Limes ha conquistato un suo pubblico, competente e di nicchia, che l’ho accompagnato in questo lungo percorso.

Nata dopo il crollo del Muro di Berlino, la rivista si occupa dei temi di attualità internazionale e il suo successo dipende dalla collaborazione tra studiosi e decisori (politici, imprenditori, ecc.). Una rivista con taglio giornalistico abile nel destreggiarsi tra politica interna e estera, tra economia e attualità.limes gennaio 2014

Limes negli ultimi anni è approdata anche online dove si può trovare quasi tutto il volume cartaceo completo; un passo importante verso la conquista anche di un pubblico non esperto ma interessato ad argomenti cosi presenti e costanti nella vita di tutti noi. I festeggiamenti si aprono lo scorso gennaio con la promozione del giornale a mensile invece che bimestrale, per poi proseguire con eventi culturali e dibattiti nel corso di tutto l’anno.

L’iniziativa più significativa è stata Il giro del mondo in tre giorni (dal 13 al 15 dicembre) a Palazzo Ducale a Genova, una kermesse geopolitica che ha riunito esperti e specialisti del settore per discutere con il pubblico e i lettori di Limes riguardo i temi più caldi della situazione internazionale, dalla moneta unica europea alla sfida apostolica di Papa Francesco, dalla competizione tra Usa e Cina a Mandela. Inoltre è stata preparata un’esposizione delle più belle copertine della rivista in maxi-formato: un compleanno perfetto.

L’anno nuovo inizia con un volume dedicato alla Polonia, un Paese poco indagato ma strategico, all’interno dell’Europa ma con una propria moneta. Tanti auguri Limes e altri infiniti giorni cosi.

Per consultare la rivista online, ecco il sito.

Francesca Triulzi

Ti è piaciuto? Condividilo con i tuoi amici

Condividi

I Topic trattati

Che cosa ne pensi?