Echeion RSS
venerdì, 18 agosto, 2017 7:10

Tutto sua madre, Les garçons et Guillaume, à table!

les-garcons-et-guillaume-a-table-2013-1-gLes garçons et Guillaume, à table! è il titolo originale del primo lungometraggio di Guillaume Galliene, che sta avendo un successo straordinario in Francia; il titolo in italiano è Tutto sua madre, che non aggiunge niente all’originale, anzi, e che forse vuole echeggiare, il più famoso Tutto su mia madre di Almodovar.

Trasposizione cinematografica dell’omonimo spettacolo teatrale di Galliene, portato in scena nel 2008, il film è il racconto autobiografico della sua vita, la ricerca di un’identità di genere, e la sorpresa della scoperta finale. Guillaume è figlio di una ricca famiglia con sangue russo nelle vene, ha due fratelli maschi, belli e sportivi, e ama incondizionatamente sua madre, donna risoluta e diretta, un po’ annoiata dalla vita.

Guillaume si sente una ragazza, ma è costretto a vestire i panni degli uomini, a vivere in un collegio maschile, a cimentarsi in ogni sorta di sport, perché così vuole suo padre. Guillaume adora a tal punto la mamma da riuscire a imitarla, nei gesti e soprattutto nella voce, tanto da essere scambiato per lei.

locandinaNegatagli la possibilità di diventare una ragazza, Guillaume passa il tempo a contemplare le donne, prima tutte le donne di casa, poi tutte le ragazze che incontra, rimanendo ogni volta affascinato dall’unicità di ognuna di esse, esercitandosi a imitarle, a portare in scena, chiuso nella sua camera, quel mondo femminile che tanto sogna.

Intrappolato in un’identità di genere che non sente sua, Guillaume va alla ricerca di se stesso, sempre scortato dalla presenza giudicante della madre. Quando quella frase così familiare, «les garçons et Guillaume, à table!», inizierà a suonare strana agli occhi di Guillaume, quando quella diversità apparirà più come una definizione altrui, che un’autodefinizione, le cose cambieranno per Guillaume.

Galliene porta in scena se stesso e la sua storia di diversità e difficoltà, con ironia, riflettendo sui generi in maniera divertente e leggera; l’attore nel film interpreta anche il ruolo della madre, perché nessuno avrebbe saputo renderlo meglio di lui: un tributo al primo grande amore della sua vita, al primo ruolo interpretato da quell’attore inconsapevole che stava nascendo.

Ti è piaciuto? Condividilo con i tuoi amici

Condividi

Che cosa ne pensi?