Echeion RSS
lunedì, 21 agosto, 2017 4:05

Anche quest’anno, Settembre

fine-estate-settembreWake me up when September ends cantavano i Green Day qualche anno fa e mai frase fu più adatta a riassumere lo stato d’animo che accompagna la maggior parte delle persone già dagli ultimi giorni di Agosto.

Perché purtroppo è vero: Settembre è il mese che nessuno vorrebbe mai vedere arrivare, quello che si porta via le vacanze riportandoci alle nostre solite vite, al tran-tran quotidiano e allo stress faticosamente accantonato in estate. Se durante la pausa estiva ci sentiamo energici, pieni di vita e carichi per affrontare un nuovo anno, ecco che al ritorno in città i nostri sogni di gloria svaniscono miseramente, sostituiti da inevitabili attacchi di malinconia e svogliatezza.

Il ricordo dei giorni felicemente trascorsi facendo la spola tra ombrellone e mare, con la sola preoccupazione di non scottarsi, e delle grigliate con gli amici è brutalmente interrotto dall’inevitabile lotta mattutina per la sopravvivenza in un anonimo vagone della metropolitana, stipati tra altri incattiviti e nostalgici ex vacanzieri. Ebbene sì, Settembre si beffa di noi.

ufficio-settembre-fine-vacanzeL’estate non è ancora finita eppure ha un sapore diverso e le calde giornate di sole sanno di punizione quando si è costretti in ufficio o in biblioteca. Le stesse calde giornate svaniscono poi magicamente con l’arrivo del week end, quando tanto matematicamente quanto implacabilmente un temporale monsonico si scatena con infallibile precisione sulla meta prescelta per una gita fuoriporta.

Settembre: temuto come la peste e tuttavia atteso con rassegnazione, come si attendono i denti del giudizio, le colonscopie e gli esami di maturità. È il mese in cui riaprono le scuole e i professori, non contenti dell’inenarrabile quantità di compiti delle vacanze che per tre mesi hanno gravato come enormi spade di Damocle sulle teste dei poveri studenti in vacanza, entrano in classe il primo giorno declamando pagine e pagine di esercizi per l’indomani che anche Dante si complimenterebbe per la favella.

Come fare dunque per sopravvivere a questo mese? Quando anche infilare la testa nella sabbia e aspettare che passi non funziona (e se non funziona è solo perché è Settembre e non siete più al mare) e quando rinchiudersi in casa a piangere riguardando le foto delle vacanze e mangiando come se non ci fosse un domani non sembra la soluzione migliore, l’unica cosa da fare è farsi forza, uscire di casa e affrontare la giungla quotidiana con la consapevolezza che le prossime vacanze sono vicine. O almeno facendo finta di crederci.

Ti è piaciuto? Condividilo con i tuoi amici

Condividi

I Topic trattati

Che cosa ne pensi?