Echeion RSS
lunedì, 21 agosto, 2017 9:24

Il ritorno delle zampe di gallina

mira -duma Da un paio di stagioni sono ritornate in auge stampe che non si vedevano da tempi immemori, come il tartan e il pied de poule. Il primo, poco chic e difficile da abbinare, rappresenta uno scivolone della moda verso uno stile rock che poco si confà alla maggior parte delle persone; il pied de poule invece è uno dei pochi esempi della capacità degli stilisti di ripescare dal passato qualcosa che tutti possono mettere.

Il pied de poule si ottiene intrecciando quattro fili di colore diverso con cui si disegna una trama che ricorda le zampe di gallina, perlomeno secondo i francesi; gli inglesi invece lo chiamano houndstooth o dogtooth, cioè dente di cane.

Questo tessuto ha origini scozzesi, ma il primo a lanciarlo è stato  Christian Dior negli anni ’50, durante i quali ha conosciuto un certo successo, per poi cadere nel dimenticatoio. Due stagioni fa però Salvatore Ferragamo si è reso conto delle ancora attuali potenzialità del pied de poule e ha deciso di utilizzarlo per i vestiti e un paio di decolletè in cavavallino stampato, che hanno incontrato il favore di moltissime star. Pare che il trend abbia attecchito bene: nelle ultime fashion week il pied de poule si è visto dappertutto, dagli abiti agli accessori (e persino come nail art).

La sua bellezza consiste anche nell’aura vintage che si porta dietro: è perfetto per le amanti di uno stile chic e retrò, sia declinato su un abito o una maglietta, sia su un accessorio, che sia una borsa o una sciarpa.

lady gagaAbbinarlo è facile, seguendo però alcuni accorgimenti: meglio evitare i total look effetto pigiama e scegliere solo un capo con questa stampa, magari un cappotto dal taglio maschile o un paio di ballerine. Visto che solitamente il pied de poule è nero e bianco, si sposa molto bene con i colori scuri ma, per evitare di sembrare troppo tristi, è richiesto almeno un tocco di colore: niente fluo per carità, meglio puntare su toni come il rosso o il verde bottiglia.

Si tratta di un tessuto che viene utilizzato prevalentemente d’inverno, ma le eccezioni sono sempre possibili: se non riuscite a farne a meno nemmeno in primavera, una buona soluzione è puntare su un abito o un blazer pied de poule bianco e rosa o bianco e azzurro, per uno stile superfemminile, adattissimo a matrimoni e comunioni.

Il rinnovato successo di questa stampa è perfettamente giustificato; ci auguriamo quindi che questo trend rimanga attuale ancora a lungo e che gli stilisti non provino a sostituirlo con il tartan, incubo modaiolo che speriamo resti circoscritto a quest’inverno.

Ti è piaciuto? Condividilo con i tuoi amici

Condividi

I Topic trattati

Che cosa ne pensi?