Echeion RSS
giovedì, 24 agosto, 2017 8:46

Addio sogni di gloria: Max Pezzali, Paola e Chiara

8 giugno 2013 Musica

Max-PezzaliGli anni passano, nascono nuovi talenti ed altri scompaiono. C’è chi dice di ritirarsi per non andarsene da perdente come Max Pezzali e c’è anche chi si ritira perché proprio non accetta la propria sconfitta.

Chiaramente il tempo di Max Pezzali è finito giusto ai tempi del grande Real, i suoi testi che calzavano perfettamente su quella musica ritmata avevano un senso negli anni novanta per i ragazzi che avevano cominciato a crescere insieme a lui e agli 883.  Ma i compagni di strada dei giovani d’oggi sono ben altri.

Sta di fatto che il caro vecchio Max ha intenzione di ritirarsi dopo il suo ultimo album composto da inediti e non, uscito il 20 maggio scorso con il titolo Max 20, il motivo sarebbe la voglia del cantante di dedicarsi alla famiglia e agli amici. Ciò che lo spaventa dev’essere probabilmente un declino improvviso (se non già iniziato) che quindi lo farebbe rimanere senza più né successo né amici e invece per lui rimarrà sempre la stessa storia, stesso posto, stesso bar.

 La-cover-del-nuovo-album-di-Paola-e-ChiaraA poco tempo dalla dichiarazione shock di Max, ne è arrivata un’altra, questa volta da Paola e Chiara. Le due cantanti hanno appena proposto al pubblico il loro singolo Divertiamoci (perché c’è feeling) anticipazione dell’album in uscita il 12 giugno, Giungla. Ma il feeling per alcuni (molti) versi non c’è stato per niente: infatti, pur essendo già in sesta posizione, questa ennesima proposta discografica delle cantanti non è garbata a tutti quanti. Sono stati cruenti e pungenti i commenti che il popolo di Facebook ha espresso nei confronti delle due sorelle, le quali si sono ribellate dicendo di non essere mai state capite in diciassette anni di carriera. Per questo motivo è ormai appurato, stando a quanto detto dalle due, che Giungla sarà il loro ultimo album.

Si chiuderebbero così nel 2013 due parentesi della musica italiana che nella loro carriera hanno avuto alti e bassi ma, sostanzialmente anche se fossero rimaste aperte, poco avrebbero potuto cambiare nel panorama musicale attuale.

Ti è piaciuto? Condividilo con i tuoi amici

Condividi

Che cosa ne pensi?