CasaPound arrestato per stupro un giovanissimo esponente

CasaPound, arrestato per stupro un giovanissimo esponente

Che gli esponenti di CasaPound, l’estrema destra italiana che ha in passato abbracciato persino posizioni negazioniste e ideali affini al disciolto partito fascista, non siano degli stinchi di santi non è certo una novità per nessuno, ma le accuse che in queste ore sono cadute su un loro esponente sono veramente gravissime.

Un esponente di CasaPound nel comune di Vallerano, nel Viterbese è infatti finito in manette insieme a un altro giovane di 21 anni per violenza sessuale di gruppo su una 36enne.

Secondo le prime ricostruzioni lo stupro si sarebbe consumato in un locale, l’Old Manners di Viterbo, che pur non essendo sede ufficiale del movimento di estrema destra è considerato un punto di ritrovo dei militanti.

Il locale è chiuso, ma uno dei due uomini ha la chiave per entrare e all’interno i tre bevono abbondantemente. Quindi i due uomini tentano un primo approccio con la donna, ma lei li respinge ed è a questo punto che scatta la violenza: la donna viene colpita a calci e pugni fino quasi a svenire e poi i due abusano di lei, ripetutamente e a turno, filmando tutto con i cellulari. 

“Quanto accaduto a Viterbo è scioccante – ha detto il vicepremier Luigi Di Maio – I balordi che hanno violentato questa ragazza la pagheranno cara. Se quanto riporta la stampa in queste ore corrisponde al vero mi auguro si facciano 30anni di galera. La mia vicinanza e tutto il sostegno possibile alla donna e alla sua famiglia”.

Il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, ha invece indicato nuovamente “nessuna tolleranza per pedofili e stupratori”. Per il vicepremier “la galera non basta, ci vuole anche una cura. Chiamatela castrazione chimica o blocco androgenico, la sostanza è che chiederemo l’immediata discussione alla Camera della nostra proposta di legge, ferma da troppo tempo, per intervenire su questi soggetti. Chiunque essi siano, bianchi o neri, giovani o anziani, vanno puniti e curati”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *